Sono passati più di 50 anni dai romazi di Isaac Asimov dove robot e nanomacchine aiutavano l’uomo a superare le difficoltà di comunicazione tra varie etnie.

30 anni dopo il genio di Douglas Adam inventa la soluzione biotica capace di tradurre ogni forma di comunicazione vivendo in simbiosi con uomini e alieni: il Babelfish.

Oggi usare google translate o altri sistemi sembra una cosa scontata ma non è così distante dalla fantascienza o dalla magia dei grandi scrittori.

Questo sito è tradotto in tempo reale da una rete neurale che legge e traduce all’istante: GTranslate, un babelfish digitale.

Multilingual Website Solution

Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
You have reacted on "il Babelfish digitale" A few seconds ago